Luglio 2020 - Roncallo Gaggio

Vai ai contenuti
Notiziario
  26 luglio 2020

UNA VOCE CHE INVIA
Feste Mariane di Gaggio e di Roncallo.
In tempi difficili come i nostri a causa del perdurare della diffusione del COVID-19 le celebrazioni mariane della Madonna degli Angeli di Gaggio e della Madonna della neve di Roncallo verranno celebrate nel modo che di seguito verrà indicato. Le celebrazioni più importanti, a Dio piacendo e con l’intercessione della Regina del cielo, avranno luogo all’aperto per consentire un maggior numero di presenze pur rispettando le indicazioni di prevenzione che sono state emanate. A tuttoggi nella nostra diocesi di Bergamo non sono consentite processioni  di qualsiasi tipo. Il canto corale, mantenendo le distanze e le mascherine, salvo per i cantori solisti, e il distanziamento fisico di 1 metro, è consentito all’aperto. Le regole sanitarie per la partecipazione alle celebrazioni sono quelle solite. Chi partecipa alle celebrazioni al chiuso o all’aperto deve indossare la mascherina,  non deve avere sintomi simil influenzali e non deve avere una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi, per accedere all’area della celebrazione deve igienizzare le mani. Per garantire il rispetto delle indicazioni di prevenzione ci saranno volontari che misureranno la temperatura con termoscanner elettronico, e verranno collocate all’ingresso dell’area della celebrazioni due colonnine con il dispensatore del gel igienizzante. Una volta dentro l’area della celebrazioni va mantenuta la distanza di almeno  1 metro – 1 metro e mezzo in tutte le direzioni (davanti, indietro, di lato). La mascherina dovrà essere portata sempre e il modo corretto di indossarla è quello di coprire bene il naso e la bocca (naso e bocca sono le vie principali di trasmissione del virus). Occorre evitare in ogni caso assembramenti per cui occorre muoversi in ingresso e in uscita in modo ordinato e senza fretta rispettando in ogni spostamento la distanza di sicurezza di un metro.

Il programma delle celebrazioni è il seguente:
Festa Madonna Regina degli Angeli

Venerdì 31 luglio ore 20:30 sulla piazzetta della chiesa  di Gaggio verrà pregato il S. Rosario.

Sabato 1 agosto ore 20:30 verrà allestita una pedana con un piccolo altare nel campo poco distante dalla chiesa di Gaggio, di fronte alla cappellina della Madonna degli Angeli. Verranno collocate sedie per facilitare la partecipazione. All’ingresso dell’area ci saranno volontari che misureranno la temperatura a quanti parteciperanno alla celebrazione e sarà messo a disposizione il gel per la igienizzazione delle mani. L’area può ospitare un centinaio di persone. In caso di maltempo la celebrazione verrà spostata nella chiesa parrocchiale.

Domenica 2 Agosto
Festa della Madonna degli Angeli
Santo Perdono di Assisi.

Ore 10:00 S. Messa solenne nella chiesa parrocchiale e preghiera per tutti gli iscritti al S. Perdono di Assisi
Ore 20:30 S. Messa all’aperto sulla piazza della chiesa. Verrà collocato un altare sui gradini dell’ingresso della chiesa parrocchiale. Sul sagrato della chiesa verranno collocate delle sedie. All’ingresso dell’area della celebrazione serale troverete ancora i volontari per la misurazione della temperatura e gli igienizzatori con gel per le mani.

Lunedì 3 agosto, ore 10:00 verrà celebrata al Gaggio la S. Messa all’aperto nello stesso luogo indicato per sabato 1 agosto. In caso di pioggia la S. Messa verrà celebrata in parrocchia.

Mercoledì 5 agosto
Festa della Madonna della neve


Ore 10:00 S. Messa sul sagrato della chiesa di Roncallo. In caso di pioggia la S. Messa verrà celebrata in parrocchia.
Ore 20:30 S. Messa solenne nel campo di calcio del Centro Ricreativo Don Giuseppe, sotto la chiesa di Roncallo. Valgono le indicazioni date per le celebrazioni all’aperto: misurazione della temperatura, igienizzazione delle mani, mascherina e distanziamento.

Giovedì 6 agosto ore 10:00 S. Messa sul sagrato della chiesa di Roncallo. In caso di pioggia la S. Messa verrà spostata presso la chiesa parrocchiale.

Non possiamo fare processioni, non ci sarà la banda e non metteremo le luminarie per le vie, però possiamo vestire a festa almeno le chiese e i luoghi dove si svolgeranno le celebrazioni e pure chiediamo a tutti i parrocchiani di mettere un segno di festa sulle loro case. I colori mariani del bianco e dell’azzurro ci aiutino in quei giorni ancora di più a rivolgere il nostro pensiero e la nostra preghiera a Maria Santissima per ringraziare con Lei il Signore che ha protetto in questi mesi la nostra comunità. E a chiedere insieme a Lei, la Regina degli Angeli, le grazie che ci sono necessarie per una vita serena, buona e veramente cristiana, una fede migliore, una speranza più grande e amore per Dio e per il prossimo, veri antidoti a tutti mali velenosi dei nostri tempi.

SANTO PERDONO DI ASSISI

 Vi ricordo la grande opportunità della INDULGENZA PLENARIA del SANTO PERDONO DI ASSISI. Dal mezzogiorno del primo di agosto alla mezzanotte  del giorno seguente si può chiedere ed ottenere la Santa indulgenza plenaria alle condizioni definite dalla seguenti norme ecclesiastiche.
    1. Visita, entro il tempo stabilito a un chiesa parrocchiale o altra chiesa che ne abbia l’indulto (come la chiesa di Gaggio che rimarrà aperta per tutta la sera del 1 di agosto)
    2. La confessione sacramentale (le confessioni si possono fare a voce, con mascherina e all’aperto, su richiesta, sempre, e in particolare il parroco si mette a disposizione prima e dopo le celebrazioni domenicali, tutte le domeniche di luglio).
    3. La comunione eucaristica.
    4. La preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre (almeno un Padre Nostro, un’Ave Maria o altre preghiera a scelta).
    5. Ci sia la disposizione d’animo di escludere ogni affetto al peccato anche veniale.
Le condizioni ai numeri 2, 3 e 4 possono essere adempiute anche nei giorni precedenti o seguenti quello della visita alla chiesa. Tuttavia è conveniente che la Santa Comunione e la preghiera secondo le intenzioni del Papa siano fatte nello stesso giorno in cui si compie la visita. L’indulgenza può essere applicata a se stessi oppure ai defunti in modo di suffragio, ma non ad altri che siano in vita.
Cos’è l’indulgenza? È la remissione dinanzi a Dio della pena temporale meritata per i peccati, già perdonati quanto a colpa. 
È un dono di grazia che tramite la tutta la chiesa celeste e terrestre viene elargito ai penitenti. È una meravigliosa manifestazione della comunione e della solidarietà dei Santi, che sono uniti nel vincolo di Carità di Cristo, e misticamente congiunti con la Beatissima Vergine Maria e con la comunità dei fedeli in cielo o in purgatorio o pellegrini sulla terra, che ottengono ai penitenti un dono di grazia di purificazione, perché la santità di Cristo e dei suoi santi giovi a tutti i penitenti. È un dono di santità, un dono di grazia per andare in Paradiso. Dio comunica al penitente, che riceve l’indulgenza, le grazie da altri meritate, con l’immesso valore della loro esistenza (Gesù Cristo, la Madonna e i Santi), per ottenere una più rapida ed efficace riparazione e purificazione. L’indulgenza che viene concessa per mezzo della chiesa produce l’effetto di diminuire o cancellare la pena (le conseguenze negative, il disordine interiore, i danni, le cicatrici, le storture prodotte in noi dal peccato) da scontare-purificare sulla terra o in purgatorio per i peccati commessi e confessati di cui è stata rimessa la colpa con il sacramento della Confessione. La pena in un certo modo è ciò che impedisce al fedele di  raggiungere una più stretta unione con Dio (somma felicità della anime sante). Perciò il fedele pentito trova un aiuto efficace in questa speciale forma di carità della chiesa, “per poter deporre l’uomo vecchio e rivestire l’uomo nuovo, il quale si rinnova nella sapienza, secondo l’immagine di colui che lo creò” (Col 3,10).
Il perdono di Assisi è una indulgenza plenaria legata a S. Francesco d’Assisi.  Una notte del 1216, San Francesco era immerso nella preghiera e nella contemplazione, nella chiesa della Porziuncola, quando improvvisamente si diffuse in tutto l’edificio una luce vivissima e vide, sopra l’altare, Gesù Cristo rivestito di luce e alla sua destra la sua Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Francesco adorò in silenzio con la faccia a terra il suo Signore. Gesù e Maria gli chiesero che cosa desiderasse per la salvezza delle anime. La risposta di S. Francesco fu: “Santissimo Padre, benché io sia misero e peccatore, ti prego che a tutti quanti, pentiti e confessati, verranno in questa chiesa, conceda ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe”. Gli fu concesso a patto che fosse domandata quella indulgenza al Papa, vicario in terra del Cristo. Con il permesso di Papa Onorio III, il 2 agosto di quel anno si iniziò celebrare nella chiesa di Santa Maria degli Angeli (Porziuncola) la Festa del Santo Perdono. Verrà estesa nei secoli a tutte le chiese francescane e in seguito a quelle parrocchiali e alle chiese con indulto.

Domenica 13 settembre
Ore 10:00 S. Messa di Prima Comunione

Domenica 20 settembre
Ore 10:00 S. Messa e celebrazione degli anniversari di matrimonio

Domenica 4 ottobre
Ore 11:00 S. Messa e celebrazione delle Cresime




                                                     Parrocchia di S.Carlo Borromeo 2020 © Tutti i diritti sono riservati                              Cookie Policy
Torna ai contenuti